Maternità anticipata per lavoro a rischio

Un caso ben diverso dall’astensione anticipata per maternità a rischio è quello in cui la gestante debba essere allontanata dal suo lavoro abituale perchè le attività previste dalla sua mansione potrebbero comportare dei rischio per la sua salute o per quella del bambino.

lavori a rischio in gravidanza

Come abbiamo già detto il primo passo che la lavoratrice deve compiere è quello di informare per iscritto il datore di lavoro del suo stato di gravidanza, allegando un certificato medico che attesti il mese di gestazione e la data presunta del parto.

A questo punto sta al datore di lavoro verificare che la mansione lavorativa della dipendente non possa comportare rischi per la gravidanza (o per l’allattamento). Se così fosse il datore di lavoro deve provvedere ad allontanare immediatamente la lavoratrice dalla situazione di rischio e ad assegnarla ad altra mansione compatibile con lo stato di gravidanza.

Per fare questo il datore di lavoro può modificare temporaneamente oltre alla mansione anche le condizioni o l’orario di lavoro della dipendente, informando il Servizio Ispezione del Ministero del Lavoro del provvedimento adottato.

Laddove invece il datore di lavoro verifica l’impossibilità di un rimansionamento della lavoratrice  in azienda per motivi organizzativi o altro, deve inoltrare una richiesta di astensione anticipata dal lavoro alla Direzione Provinciale del Lavoro.

La lavoratrice dovrà quindi presentare al datore di lavoro il certificato medico che quest’ultimo dovrà allegare alla domanda di interdizione al lavoro insieme a:

- copia del documento di identità del datore di lavoro
- documento di valutazione dei rischi

Ecco una pratica tabella riassuntiva:

come ottenere congedo di maternità anticipata

Verificate sempre le procedure indicate perchè a seconda della regione, della provincia, del governo in carica e delle leggi in vigore possono esserci dei piccoli cambiamenti nelle procedure (nella tabella è indicato che la lavoratrice – e non il datore di lavoro – a dover presentare la documentazione alla Direzione Provinciale del Lavoro, mentre nel mio caso, a Milano, non ho potuto inoltrare io stessa la pratica ma ho dovuto aspettare ( e insistere!) che fosse il datore di lavoro a farlo)

A questo punto bisogna attendere che la Direzione Provinciale del Lavoro prenda una decisione in merito alla pratica depositata. I tempi burocratici sono abbastanza lunghi, ma vale la regola del silenzio-assenso: se entro 7 giorni dalla ricezione della pratica da parte della Direzione Provinciale del Lavoro la lavoratrice e il datore di lavoro non ricevano risposta la richiesta si può ritenere accettata.

Oggi abbiamo visto quali sono le procedure da avviare, martedì prossimo vi parlerò nel dettaglio dei lavori a rischio

Related Posts with Thumbnails
Questa voce è stata pubblicata in essere genitori e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Maternità anticipata per lavoro a rischio

  1. marika scrive:

    MA se il datore di lavoro si rifiuta di compilare i documenti per la maternita’ anticipata?come mi devo comportare?Sono costretta ad andare a lavorare?

  2. silvis scrive:

    Devo chiedere un’informazione: lavoro in un’azienda di vernici in cui il lboratorio in cui effettuano veniciature e applicazioni è proprio dietro alla location di dove sono io (in ufficio)… x cui mi devo assorbire tutto il giorno odori nocivi che sono tutt’altro che salutari oltre che sgradevoli. Se dovessi rimanere incinta chiederò la maternità anticipata x lavoro a rischio. giusto?

  3. Mary scrive:

    mi chiamo Mary e ho trovato i vostri consigli molto chiari e precisi.
    Ho da farvi una domanda,io sono in maternità anticipata per lavoro a rischio,visto che il provvedimento della DPL é fino alla data presunta del parto,posso presentare domanda per quella obbligatoria alla fine di tale data?

  4. lisa scrive:

    dopo quando tempo comincio a ricevere i soldi sono a casa dal 7 febbraio sono 2 mese che non ricevo niente…..

  5. ema scrive:

    nel paragrafo sopra si parlava anche di incompatibilità con gravidanza o allattamento….. se l’azienda sceglie di metterti in maternità per incompatibilità con la mansione, cosa succede dopo il parto e quindi con l’allattamento ?

  6. Francesca scrive:

    Io faccio un lavoro a rischio,ho mandato tutti i documenti dovuti appena saputo della gravidanza ed ho continuato a lavorare perché ho cambiato la mia mansione. Al lavoro mi avevano poi detto che quella documentazione bastava e che a due mesi dal parto sarei dovuta restare automaticamente a casa per il congedo di maternità . Ora invece viene fuori che devo compilare un modulo inps ulteriore…ma sono già in ritardo! E poi devo mandare nuovamente tutto o basta il modulo on line? Help

  7. fpdv scrive:

    cosa si può fare se il datore di lavoro temporeggia a presentare la domanda all ispettorato del lavoro ? anche se il medico competente ha messo per iscritto che dovevo cessare immediatamente di lavorare??? e nel frattempo chiedono di prendere ferie o mutua….
    cosa posso fare???

    • EquAzioni scrive:

      se fossi in te mi rivolgerei io direttamente all’ispettorato del lavoro. basta una semplice telefonata per poter avere un appuntamento, dopodichè generalmente si occupano loro di contattare il datore di lavoro

  8. fpdv scrive:

    Dabbero??? Caspita….sono anche tornata con la documentazione ma la domanda dev’esser fatta dal datore di lavoro (come io avevo riferito tra l’altro) ma mi hanno “mandato via”….
    Grazie della risposta, nel frattempo la domanda è stata poi presentata finalmente dopo 24gg lavorativi…la maternità scatta da quando viene presentata la domanda…..cosa si può fare per tutti igiorni precedenti? io tra l’altro non ho nemmeno così tanti giorni di ferie…
    Grazie

    • EquAzioni scrive:

      può essere che le cose siano nel frattempo cambiate anche se sinceramente lo trovo piuttosto strano
      il dipartimento del lavoro deve tutelare il lavoratore e qualora il datore di lavoro di una donna incinta non presenti nei tempi previsti la richiesta per la valutazione del caso, non potrebbero esservi controlli da parte loro se non a seguito della segnalazione della lavoratrice!
      probabilmente occorreva solo attendere i tempi tecnici nel tuo caso specifico

  9. fpdv scrive:

    ema…stesso mio dubbio, hai avuto novità?

E tu che ne pensi? Lasciaci il tuo commento